UDO GÖẞWALD | GEORG VON WILCKEN

48 tesi

Come possiamo vivere meglio insieme

48 Thesen - Wie wir besser zusammenleben können
OSSERVAZIONE PRELIMINARE
Nel corso della sua storia, l'umanità ha formulato una moltitudine di posizioni diverse per spiegare e regolare la convivenza sociale. Per migliaia di anni, tutte le religioni e le culture, le costituzioni degli Stati, gli scritti filosofici, le dichiarazioni sui diritti umani e le più svariate narrazioni sociali hanno testimoniato la volontà delle persone di accordarsi sui valori sociali e di stabilire regole e norme per la loro osservanza.
L'inizio del XXI secolo mostra l'umanità in una rete e una cooperazione globale senza precedenti. D'altra parte, è caratterizzata da profonde controversie sui valori e le norme sociali. È quindi necessario che l'umanità rifletta su nuovi appuntamenti comuni. Si tratta di accordi su come assicurare un'interazione pacifica e costruttiva tra individui, all'interno di un gruppo, di uno stato o tra stati, religioni e culture. Alla luce del riscaldamento globale, sta diventando chiaro quale responsabilità abbia l'umanità di prevenire danni irreversibili alle fondamenta naturali della vita umana e alla biodiversità.
Ognuno come individuo interpreta il mondo a modo suo. Ma poiché il singolo essere umano è allo stesso tempo un essere sociale, una prospettiva comune può aiutare a vivere meglio insieme in futuro. Queste 48 tesi vogliono essere uno stimolo per tutti coloro che vogliono pensare a nuovi appuntamenti comuni.
Nota: Nei punti contrassegnati da una accanto alle tesi, è possibile richiamare contributi di base alla discussione sul rispettivo argomento.
INDIVIDUALE E MONDIALE

1

Ogni persona è diversa e speciale. Questo deve essere apprezzato e protetto.

2

Ogni persona sviluppa dalla conoscenza della propria unicità la capacità di riconoscere l'unicità degli altri e di mostrare rispetto e apprezzamento per gli altri.

3

Ogni uomo è un cercatore. È libero di esplorare ed esplorare il mondo per espandere e superare i limiti della conoscenza precedente, a condizione che gli altri non si sentano limitati nei loro diritti.

4

Ogni essere umano si pone domande sull'origine della vita e sul mistero della morte. È suo diritto che ogni risposta che sceglie a queste domande sia considerata equivalente. Nella misura in cui le trova nella sua fede, esse sono anche equivalenti alle risposte di tutte le altre confessioni di fede e devono quindi essere pienamente rispettate.

5

Ogni persona è sensualmente toccata e affrontata da altre persone, cose reali, espressioni artistiche ed eventi naturali. Con queste forme di risonanza egli sperimenta sempre di nuovo se stesso e il mondo. Lasciandosi sedurre e cogliere dalla complessità della vita e dalla diversità del mondo, ma anche rendendosi irrequieto, si distingue come essere umano.

Fonti e riferimenti:

6

Ogni essere umano è parte della natura. Egli può mantenere e sviluppare la sua specie solo se vive in armonia con la natura e non si pone al di sopra di essa. Ogni singola persona ha la responsabilità di questo.

Fonti e riferimenti:

7

Ogni essere umano è attento a un uso attento e sostenibile delle risorse naturali del mondo e usa la sua ragione per preservarle e non distruggerle. Ciò comporta l'obbligo che qualsiasi consumo di risorse da parte delle imprese o per il proprio fabbisogno debba essere compensato dalla coltivazione di materie prime rinnovabili o da una compensazione finanziaria per le fonti energetiche alternative non fossili.

Fonti e riferimenti:

8

Ogni essere umano ha il diritto di mantenere l'aria e l'acqua pulite e di essere protetto dalle influenze ambientali nocive, dalle radiazioni nocive e dagli effetti del riscaldamento globale. Si impegna quindi a garantire che gli obiettivi di protezione del clima siano attuati a livello globale e, attraverso il suo stesso comportamento, contribuisce a ridurre lo spreco insensato di cibo, l'inquinamento del traffico e la produzione di rifiuti.

Fonti e riferimenti:
SOCIALE E COMMUNITÀ

9

Ogni essere umano è prima di tutto un essere sociale. Ha bisogno di essere integrato in una comunità in cui possa vivere liberamente, ma anche con responsabilità. Nella comunità sviluppa la capacità di plasmare il mondo secondo i suoi bisogni e allo stesso tempo per il bene di tutti. Come individuo sostiene volontariamente il lavoro produttivo e creativo degli altri secondo le sue possibilità.

Fonti e riferimenti:

10

Fin dalla nascita, ogni essere umano si confronta con l'esperienza della paura, che lo rende vulnerabile e bisognoso di protezione. Mentre a sua volta ha bisogno di protezione, impara nel corso della sua vita a dare protezione agli altri. Fa parte della protezione costruire e mantenere attivamente la fiducia nell'altra persona.

11

Ognuno deve sapere che il proprio futuro è anche nelle mani dell'altro. Nel corso della nostra vita impariamo a porre dei limiti al nostro narcisismo, ad aprirci agli altri e a provare compassione e rispetto per gli altri. Un prerequisito per vivere insieme in modo migliore e più pacifico è la capacità di perdonare e perdonare i comportamenti scorretti dell'altro.

Fonti e riferimenti:

12

Ogni persona ha bisogno dell'amore e della vicinanza di un altro. Tuttavia, non deve essere un vincolo. L'amore si dispiega solo quando ognuno lascia all'altro lo spazio libero per creare. Si basa sulla fiducia reciproca e offre l'opportunità di mostrarsi vulnerabili. L'amore è essenziale per sviluppare la forza e il coraggio di affrontare nuove sfide nella vita.

13

Ogni persona è tenuta a rispettare e proteggere l'integrità fisica e mentale dell'altro. Ciò vale in particolare per i rapporti in famiglia o sul lavoro, che sono caratterizzati da un inevitabile rapporto di dipendenza. Tutte le forme di attività sessuale sono aperte a lui/lei, a condizione che garantiscano la protezione dei minori e siano basate sul consenso reciproco.
CASA E IDENTITÀ

14

Ogni persona cerca protezione e sicurezza nell'ambiente che le è familiare. Questo crea un'immagine interiore della casa, che lo accompagna per tutta la vita. Questa immagine può diventare la fonte dei desideri inconsci di un luogo eterno e immutabile. Ma noi stessi e il lago in cui ci siamo immersi non siamo più gli stessi di una volta. Ecco perché la casa può avere successo solo dove ci sentiamo sicuri e possiamo svilupparci liberamente insieme.

15

A tutti, l'estraneo appare come un'opportunità impegnativa per lasciare l'ambiente familiare. Ma lo straniero gli appare anche come una minaccia e genera paura, che a sua volta promuove la nostalgia della casa e della tradizione. La vita umana oscilla tra questi due spazi esperienziali. Nonostante tutte le incertezze e l'imprevedibilità che ne derivano, egli dovrebbe plasmare la sua vita con coraggio, fiducia e ragione.

16

Ogni essere umano ha identità diverse a causa del suo background etnico e sociale, della sua religione, della sua professione, delle sue opinioni politiche e delle sue inclinazioni personali e sociali. L'importanza che attribuisce loro viene decisa per sua scelta. È una restrizione inaccettabile quando una singolare attribuzione di identità viene fatta da un altro. Negherebbe quelle affiliazioni per cui ogni persona si caratterizza come un essere sociale complesso e relazionale.

Fonti e riferimenti:

17

Ogni essere umano è chiamato ad astenersi da ogni forma di violenza fisica o mentale, in particolare dalla discriminazione e dall'esclusione di un altro essere umano. Pertanto, ogni essere umano è obbligato a moderare il linguaggio come strumento di odio e di discordia in ogni momento, per non attaccare o degradare gli altri.

Fonti e riferimenti:
POLITICA E SOCIETÀ

18

Ogni essere umano, per nascita, gode dei diritti civili concessigli dalla costituzione del suo Paese di nascita. Egli rispetta la costituzione democratica del suo Paese e protegge e difende i valori fondamentali della pace, della libertà e della democrazia in essa sanciti. Si impegna a garantire che questi valori fondamentali siano realizzati e attuati in tutte le forme di società.

19

Ogni persona che ha diritto di voto può, oltre alla cittadinanza del proprio Paese, acquisire la cittadinanza di una comunità di Stati a cui il suo Paese appartiene, ad esempio l'UE. Gli sarà quindi concesso il diritto di voto e godrà delle regole stabilite dalla comunità internazionale in materia di libertà di viaggio e di visti, di libertà di stabilimento e di libera circolazione degli scambi e delle merci. Attraverso la sua cittadinanza sovranazionale, si impegna a rispettare i valori fondamentali della comunità degli Stati. La comunità internazionale protegge in particolare i suoi diritti sociali e democratici.

20

Chiunque può acquisire la cittadinanza di un altro Stato in aggiunta alla propria, a condizione che rispetti permanentemente i diritti e i doveri di tale Stato e che vi abbia trascorso un terzo della propria vita.

21

Ogni persona rispetta l'uguaglianza di tutti i generi e contribuisce a far sì che questa sia applicata, rispettata e promossa sul lavoro, nella famiglia e nella società. Gli svantaggi per i gruppi sociali, che sono stati causati o sono sorti come risultato di un razzismo strutturale, vengono riconosciuti e compensati di conseguenza. L'obiettivo è quello di eliminarli a lungo termine.

22

Ogni persona che ha diritto di voto ha la possibilità di partecipare alle decisioni sociali fondamentali, soprattutto nei settori dell'energia, dell'ambiente, dell'istruzione, dei trasporti e delle infrastrutture. Queste votazioni dei cittadini sono accompagnate da un ampio processo di discussione in forum cittadini decentralizzati e centralizzati. Tutte le informazioni necessarie per questo processo di formazione dell'opinione sono preparate dai media e dalle istituzioni educative e sono sempre disponibili per l'uso.

Fonti e riferimenti:

23

Ogni persona è responsabile della coesione della società. Per formare una comunità vivente, è chiamato a partecipare attivamente alle istituzioni pubbliche come partiti, associazioni, scuole, università, sindacati, club o comunità religiose. Chi è disposto ad assumersi la responsabilità per gli altri o ad usare il proprio coraggio civile per obiettivi politici a beneficio della società è tenuto in particolare considerazione e rispetto.

Fonti e riferimenti:

24

Ogni persona è responsabile dei crimini violenti storici del suo Paese. Contribuisce a far sì che le circostanze e le ragioni di questi crimini contro l'umanità siano chiarite, che i colpevoli siano assicurati alla giustizia e che le vittime siano ricordate in modo appropriato. Gli svantaggi sociali o economici per i gruppi di popolazione colpiti sono compensati dai fondi di risarcimento nazionali.

Fonti e riferimenti:
VOLO E MIGRAZIONE

25

Ogni persona che è costretta a lasciare il suo Paese a causa di enormi difficoltà economiche o di conflitti bellici gode della protezione umanitaria dello Stato in cui è fuggita. Con l'espresso sostegno della comunità internazionale, i paesi vicini dello stato colpito in particolare stanno organizzando l'accoglienza e l'assistenza dei rifugiati. Ogni paese può assumersi la responsabilità dei rifugiati solo nella misura in cui la società ospitante può farlo senza mettere in pericolo la sua coesione sociale e culturale interna.

Fonti e riferimenti:

26

Chiunque sia perseguitato nel proprio paese per motivi politici, religiosi, etnici o razziali ha il diritto di chiedere asilo in un paese di sua scelta. Il parlamento del Paese ospitante decide regolarmente in che misura si può concedere l'asilo. Il richiedente asilo e il richiedente asilo riconosciuto hanno diritto all'ospitalità finché le persone sono perseguitate nel loro paese d'origine. Scade quando il richiedente asilo può tornare sano e salvo nel suo paese in conformità con una decisione della Corte internazionale di giustizia.

27

Ogni persona che emigra in un altro paese ha l'obbligo di integrarsi attivamente nel paese ospitante. Il paese ospitante crea le condizioni per imparare la lingua del "nuovo paese d'origine" e per familiarizzare con i nuovi usi e costumi. Gli viene dato sostegno nella ricerca di opportunità di lavoro socialmente accettabili e di un alloggio adeguato. Il parlamento del paese ospitante decide regolarmente quante persone possono immigrare.

Fonti e riferimenti:

28

Ogni persona contribuisce al cambiamento della propria cultura trattando con gli stranieri. Rende omaggio al rispetto della cultura, della storia e della religione di altri Paesi e popoli nella misura in cui questi non mettono in discussione i valori fondamentali della pace, della libertà e della democrazia. In quanto immigrato, rifugiato o richiedente asilo, contribuisce attivamente alla costruzione di una convivenza pacifica e comprensibile.
CULTURA E ISTRUZIONE

29

Ogni essere umano protegge e conserva il patrimonio culturale dell'umanità. La sua storia e il suo lavoro creativo possono essere intesi come parte di una cultura dell'umanità. In questo modo l'impulso individuale viene preservato attraverso tutti i confini sociali e la memoria dell'umanità viene arricchita da persone di tutti i gruppi sociali.

Fonti e riferimenti:

30

Ogni persona è libera di esprimere il proprio attaccamento alle tradizioni democratiche e al patrimonio culturale immateriale del proprio paese. Tuttavia, questo non deve assumere la forma di un nazionalismo che discrimina la cultura e la storia di altri paesi o popoli.

31

Ogni persona è libera di plasmare la propria vita attraverso rituali che possono dare struttura e ordine, significato e continuità, identità collettiva e senso di comunità. Il potere dei rituali può allontanarci dalla realtà quotidiana, ma può anche offrire l'opportunità di ripensare ed eventualmente cambiare la nostra vita e il nostro rapporto con le altre persone. Tuttavia, un rituale non deve mai essere eseguito sotto costrizione interna o esterna e non deve mai portare all'esclusione o alla discriminazione di altre persone.

Fonti e riferimenti:

32

Tutti rispettano i valori di una società aperta, caratterizzata dall'aiuto alle persone vulnerabili, dalla difesa dei diritti delle minoranze e dal riconoscimento della diversità culturale come arricchimento.

Fonti e riferimenti:

33

Ognuno rispetta l'opinione dell'altro. La priorità assoluta è data al dialogo e al dialogo come mezzo per risolvere i conflitti. Le soluzioni non violente dei conflitti richiedono il disarmo verbale e la ricerca di un compromesso o di una riconciliazione degli interessi.

Fonti e riferimenti:

34

Ogni essere umano dovrebbe considerare l'educazione dei suoi figli come uno dei compiti più preziosi della sua vita. Alla base di ciò c'è il rispetto per le capacità naturali del bambino, che egli promuove secondo le sue capacità. Per questo dà ai suoi figli il tempo e l'attenzione dovuti. In cambio, ogni genitore può ridurre l'orario di lavoro regolare fino a un terzo fino al compimento del 14° anno di età.

35

Ogni persona ha diritto a un'educazione scolastica che sviluppi le sue capacità di pensare e agire in modo indipendente, orientato alle soluzioni e al lavoro di gruppo. Una buona educazione scolastica è il presupposto affinché ognuno possa scoprire e sviluppare le proprie capacità e i propri talenti. Il sistema educativo scolastico ha il compito di promuovere tutti i bambini in egual misura e di fornire un sostegno e un incoraggiamento speciale, se necessario. Questo crea le condizioni perché ogni persona possa contribuire alla società attraverso i propri talenti e le proprie capacità.
ECONOMIA E LAVORO

36

Ogni persona contribuisce al bene comune attraverso il suo lavoro. Il lavoro è uno dei fondamenti più essenziali della nostra convivenza e la fonte centrale del valore aggiunto. La loro qualità si basa sull'esperienza differenziata del processo di lavoro e dell'oggetto di lavoro. È quindi particolarmente importante che il valore del lavoro sia apprezzato e riconosciuto. Per potersi adattare alle mutevoli condizioni di produzione, causate soprattutto dalla digitalizzazione, vengono offerte per tempo ampie opportunità di perfezionamento professionale.

Fonti e riferimenti:

37

Tutti hanno diritto a un'atmosfera di lavoro che favorisca la motivazione e le prestazioni e consenta un lavoro collaborativo. Egli contribuisce ad assicurare che i prodotti materiali e intellettuali prodotti abbiano un beneficio sociale e un carattere significativo, sostenibile e stimolante.

38

Ogni persona che avvia o gestisce un'impresa si assicura che i suoi dipendenti ricevano uno stipendio almeno pari a quello standard del settore. Il reddito più alto guadagnato in una società dovrebbe superare solo in casi eccezionali il triplo del reddito più basso.

39

Chiunque sia impiegato in un'azienda o in una società ha diritto a una quota degli utili. Almeno un terzo dell'utile è dovuto ai dipendenti di un'impresa ed è distribuito proporzionalmente in base alla loro quota nella generazione dell'utile. Il reinvestimento della quota di profitto è possibile, a condizione che i dipendenti siano d'accordo.

40

Ogni persona ha diritto a una pensione adeguata alla fine della sua vita lavorativa. Come pensione di base garantita dallo Stato, ammonta ad almeno la metà del reddito medio. È finanziato in parti uguali da un'azienda o da un fondo pensione privato, dal denaro delle tasse e dai contributi previdenziali.

41

Ognuno è obbligato a utilizzare la propria proprietà in modo tale che sia al servizio del bene pubblico. Un terzo dei suoi beni personali viene lasciato in eredità a una fondazione di beneficenza o allo Stato. Se si tratta di capitale circolante e gli eredi continuano a gestire attivamente l'azienda, questo rimane intatto.

Fonti e riferimenti:

42

Ogni persona può indebitarsi sulla base del proprio patrimonio e del proprio reddito. Un terzo dell'onere del debito deve essere coperto dal capitale proprio; l'onere non può superare un terzo del suo reddito.

43

Ogni persona che investe il proprio patrimonio in investimenti di capitale speculativo trasferisce un terzo degli utili realizzati ad una fondazione di beneficenza o allo Stato.

44

Ogni essere umano può liberamente commerciare in beni che non danneggiano un altro essere umano. L'obiettivo è quello di garantire che il commercio mondiale soddisfi i criteri del "commercio equo e solidale" e che i diritti umani siano rispettati nelle catene globali di fornitura e di valore.

45

Ogni persona che affitta o acquista una terra è obbligata a coltivarla o a gestirla in modo che sia al servizio del bene comune. Un terzo degli utili generati va a una fondazione di beneficenza o allo Stato. I terreni e il mercato immobiliare sono sotto la protezione speciale dello Stato. L'obiettivo è quello di garantire che almeno un terzo del patrimonio edilizio sia di proprietà senza scopo di lucro e che i lavoratori a basso reddito spendano solo un terzo del loro reddito per l'affitto.

Fonti e riferimenti:

46

Ad ogni persona che ha diritto di voto vengono concessi adeguati diritti di partecipazione attraverso il voto dei cittadini, che riguardano investimenti a lungo termine nel futuro del suo paese o di una comunità di stati. Queste votazioni dei cittadini sono accompagnate da un ampio processo di discussione in forum cittadini decentralizzati e centralizzati. Il livello degli investimenti si basa sul potenziale di un'economia nazionale o sovranazionale per garantire posti di lavoro e crearne di nuovi in futuro. Gli investimenti devono essere effettuati in modo tale che i debiti assunti a tale scopo siano ridotti entro un periodo di tempo ragionevole.

47

Ogni essere umano fa parte della civiltà globale. Il networking mondiale sta creando sempre più consapevolezza a livello globale e sono state create nuove fonti di reddito nei settori della produzione, del commercio, dei trasporti e delle tecnologie digitali. Gli accordi internazionali assicurano che le società aperte, il libero flusso di idee e le condizioni di lavoro socialmente giuste siano promossi per aumentare la prosperità di tutti.

48

Ogni persona che è cittadino di una comunità di Stati ha diritto a un risarcimento da parte di un Fondo sociale internazionale per le conseguenze dell'economia globale, se si può dimostrare che gli hanno causato uno svantaggio sproporzionato o un danno economico.

Fonti e riferimenti:

48 tesi

PDF, versione stampabile, invio per e-mail
Print Friendly, PDF & Email

48 tesi

I VOSTRI PENSIERI E COMMENTI

Qui abbiamo creato spazio in modo che tu possa condividere i tuoi pensieri sul tema "Come possiamo vivere meglio insieme" con noi e tutte le altre parti interessate.

5 commenti su “48 Thesen”

  1. Hut ab. Ein kleinster gemeinsamer Nenner. Ein schätzenswerter Appendix zum Grundgesetz. Ein real-utopischer Entwurf. Wolfgang Abendroth würde ihn sicherlich begrüßen!

  2. What struck me — besides how grand, wise and human your vision is — is also how European you are compared to the views of Americans. The sense of individual rights here is powerful and only getting more unabashedly anti-societal. Cases in point: wearing a mask, climate change; owning a gun (and opposing even the most reasonable restrictions on guns); Trump’s America First. I don’t know if the US has always been this way, but got disguised through lofty ideals of spreading democracy and so-called equality, but we have become an immensely selfish and uncaring people relative to the rest of the world (and even relative to each other). I don’t think I realized how far the US had traveled until reading your 48. My sense is that you could have a fruitful and meaningful discussion of your principles in Europe; the discussion would end before it even started here.

    I would like to live in the world your create . . . .

    One substantive question: there are a lot of one-thirds. Is there a basis to that across the different principles in which you use it to allocate shares, versus one half or one quarter. Just curious.

    In 1960, the top marginal tax rate in the US was 70%; it is now 35%, with capital gains taxed at 20%. Thus, the rich get richer and is disproportions that are extreme. I think this will become the major source of conflict in the US in the coming years. Oddly, most of Trump’s followers are poor white people at the bottom of the food chain lacking college education or upward mobility. You would think they would be at the front of the revolutionary ranks, but no. They’re the ones willing to throw democracy away on a demigod.

    1. One of the basic ideas of my paper was to strengthen the sense of community. After such a long period of prioritising the me-perspective (nothing against #metoo!) I found it important to draw attention to what we can actually give back to society, if we were lucky enough to be born on the bright side of life. So I thought up a very simple formula: 1/3 for my pleasure, 1/3 for my family and friends, 1/3 for society. This I attached to the cases of inheritance, the making
      of profit through business, ownership of property or financial transactions.

      In case of inheritance its accepting that all you have achieved, is based on what your social and economic starting position was and sharing a reasonable part in order to help others have better conditions in the future. Therefore I say that you can give it to foundations who do good things with it.

      In case of profits (!) you make, it seems reasonable to me that those who contributed to it, should have their fair share and if your property gains value without you contributing it’s also fair to have society get a proportion of it.

      The 1/3 idea is to define a cultural and social value by fixing a proportion that is easy to communicate, that has a chance to be generally accepted and that has a symbolic function in terms of „if I gain more, I will share more“. To me it should be easy to teach that in school. Growing wealth then always has a social dimension and it will free you of constantly being scrutinized or morally insulted for your achievements. I’m not an expert in this, but it might even keep income taxes fairly low.

      The other 1/3 aspects came gradually, are based on already existing demands by NGOs or UN resolutions and of course they are also symbolic and easy to memorize: the UN demands 1/3 of the world’s territority to be natural reservations in order to protect flora and fauna, the towns of Zürich or Vienna have succesfully dealt with social housing issues by making sure that 1/3 of tenements are in public hand, every reasonable bank will only give you a mortgage, if you can provide 1/3 of the necessary capital. And finally, after the Corona experience leading economists proclaimed that it makes sense not to have more than 1/3 of your production line abroad.

  3. Ich finde es wichtig, dass wir uns immer wieder überlegen, was es eigentlich jeden Tag zu tun gilt, um ein friedliches Zusammenleben zu fördern. Als Schweizer Bürger denke ich an die Zeit des Zweiten Weltkriegs, als viele Flüchtlinge an der Grenze zurückgewiesen wurden. Deshalb scheint mir die These 26 sehr wichtig

    „Jeder Mensch, der aus politischen, religiösen, ethnischen oder rassistischen Gründen verfolgt wird, hat das Recht in einem Land seiner Wahl Asyl zu beantragen. Dabei entscheidet das Parlament des Gastlandes regelmäßig darüber, in welchem Umfang Menschen Asyl gewährt werden kann. Asylsuchende und Asylberechtigte genießen das Gast- und Aufenthaltsrecht, solange in ihrer Heimat Menschen verfolgt werden und eine Rückkehr in sichere Lebensumstände nicht möglich ist.“

    Hier der Link zu einem Video, das ich vor vielen Jahren zu diesem Thema gemacht habe: https://vimeo.com/manage/videos/50214481

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *